venerdì 20 marzo 2015

Stop & go

E niente, lunedì scorso ecografia dopo 16 giorni di stimolazione, estradiolo sotto i tacchi, follicoli fermi a 13mm.
La Gangale è stata molto carina nel consigliarci lo stop della stimolazione per non perdere soldi tempo ed energia in un tentativo quasi sicuramente fallimentare.
Ho imparato che per il pick up i follicoli devono essere mediamente di 18-20mm l'uno e l'estradiolo deve essere pari a 150-200 per follicolo che indica la maturazione degli ovociti; io ne avevo 8 di follicoli e estradiolo a 376, un disastro. 
Ma la Gangale ci ha detto serenamente che una magnifica pasticchetta di progesterone mi farà venire il ciclo fra 15 giorni e subito subito ricominciamo la stimolazione. Pare possa trattarsi semplicemente di una mancata reazione delle ovaie, solo una questione di dosaggi dei medicinali. 
Ecco, cotta e mangiata, come si dice a Roma.
Aggiungo una nota di merito, doverosissima: mi ha detto di ricordarle, al prossimo ciclo di monitoraggi, che non andranno pagati. Onesta.
Quando sono uscita da là ho pensato: sono stanca, che fatica.
Lo so che è meglio così, però che fatica.
Ma questo secondo tentativo lo voglio concludere, non voglio mollare adesso.

Ho riflettuto su cosa mi faccia tanto male del non avere figli. 
Non sono mai stata una di quelle che appena vede un bambino ci deve giocare, lo deve prendere in braccio, ne è attratta, sono selettiva con i bambini come con gli adulti. Insomma, non ho un grande istinto materno.
Ma, come credo quasi tutte, l'idea di avere figli un giorno era scontata, una cosa ovvia.
L'idea di non poterne avere mi ha lasciato un vuoto di senso. Che senso ha il resto della nostra vita senza un bambino, che dovrebbe essere il nostro futuro? E' come non avere futuro. E mi è sembrato che nella mia vita nulla potesse avere un senso. Mi sono immaginata anziana, io e il mio RE, soli.
Questi pensieri abitavano l'immediato post-fallimento ICSI.
Poi gli ormoni hanno ritrovato il loro equilibrio (perchè il loro sconvolgimento ha sicuramente un peso) e già andava meglio. Poi il tempo passa e va ancor un pò meglio.

E poi c'è lui, il mio Re: è lui il mio futuro, la ragione della mia vita, il mio senso, il mio tutto.
E da qui dobbiamo ripartire, costruire il nostro futuro giorno dopo giorno, dare un senso alla nostra vita il cui centro siamo io e lui.

Ho ritrovato questi pensieri - che macinavo da lungo tempo - su un articolo che ho trovato lucido, schietto, chiaro e che condivido molto. 
Dice molto dei sentimenti che travolgono le cercatrici e indica una strada che non può che essere l'unica.

Domani abbiamo appuntamento per andare a vedere la casa, quella casa: è questo il punto di partenza per riprogrammare la nostra vita insieme, che sia questa o un'altra casa, costruiamo il nostro sogno, io e il mio Re insieme.

E comunque c'è ancora una stimolazione da affrontare, avanti tutta!!!!!!!!!!!




venerdì 13 marzo 2015

Notizie dal fronte

E non sono buone.
Si fa presto a dire pick aup.
Arrivarci è un'altra cosa.
Ieri 13° giorno di stimolazione, i miei follicoli sono fermi, ci sono ma non crescono e l'estradiolo è basso. Non si capisce se siano tenuti in vita dai farmaci e dunque non abbiano ovociti maturi oppure se abbiano bisogno di una spinta in più. Si è deciso di aumentare la dosa di puregon e sparare le ultime cartucce nel week end, lunedì ultima eco e ultimo prelievo, ultimi per davvero perchè o le ovaie rispondono al bombardamento o si blocca tutto, sarei al 16° giorno di stimolazione!!! 
La Gangale è stata proprio carina, ci ha spiegato tutto per filo e per segno e mi ha già detto che in caso di interruzione si farebbe passare un solo ciclo per ricominciare subito con un'altra stimolazione. Non è da poco che non mi faccia buttare via il secondo tentativo rischiando che nei follicoli non ci sia un ciufolo.
Però che fatica.....la delusione c'è, non posso negarlo, ci stiamo impegnando tanto ed è stancante, fisicamente e psicologicamente, e porca paletta che le cose non vadano come devono senza che noi possiamo farci niente...è frustrante.
E poi io ho un tarlo costante: si sono concentrati tutti su mio marito, sui suoi spermini lenti e pochi, ma già dalla prima ICSI fallita s'era capito che c'era un problema sui miei ovociti e adesso l'ovulazione fa le bizze (che magari ha fatto le bizze pure l'altra volta ma è andato tutto così veloce che manco si son fermati a vederla 'sta cosa!!), ma sarà che dobbiamo concentrarci ANCHE su questo??
Nel mio cervello ci sono diavoleto e angioletto che se le danno di santa ragione: da una parte mi viene da dire "che stanchezza, che fatica, questi non crescono e dovremo fare tutto daccapo e poi come andrà?" dall'altra mi dico "c'è ancora speranza, magari fanno il salto di qualità e se così non fosse meglio fermarsi adesso e ripartire con maggiori info e una terapia adeguata".
Lo so che devo sentire la seconda voce, lo so.

Io e il mio Re abbiamo un sogno, andare a vivere in campagna. Cerchiamo casa da quasi due anni aspettando quella dei sogni. Un grande giardino per i nostri due cagnetti, svegliarsi la mattina e sentire gli uccellini e vedere spazi verdi. Questo nostro sogno mi consola, quando sono giù mi ci rifugio. A volte esagero e sono ossessionata, per fortuna il mio maritino mi riporta con i piedi per terra, come quando comprerei una catapecchia che mi sembra una reggia!!!
Ora ne abbiamo trovato una che sulla carta ha tutti i requisiti a posto, andremo a vederla fra una settimana. Magari non andrà bene ma in questo momento che ci sia anche solo la possibilità che sia lei la "nostra casa" mi fa stare bene.
Questo è ciò che si vede dalla finestra della camera. Il nostro sogno.



martedì 10 marzo 2015

11° giorno

La stimolazione continua, in maniera molto diversa dalla prima. Intanto oggi siamo al giorno 11, la volta scorsa è durata in tutto 8 giorni....Insomma, premesso che cerco sempre di non giudicare i medici e non sostituirmi a loro (escludendo palesi mancanze o errori) più andiamo avanti più non capisco l'abisso fra il trattamento con la Mei e questo con la Gangale. 
Ad ogni ecografia lei ci spiega: 8 follicoli che crescono bene, iniezioni dosate per farli crescere e maturare, per fargli fare il salto di qualità. Ogni volta segna i dati ematici e le dimensioni dei follicoli che sono arrivati a 13mm. E ancora sono piccoli.  Eppure maritino si ricorda che lo scorso inverno con la Mei si decise per il pick up ak 7° giorno di stimolazione e follicoli di 11mm...e in effetti dopo così pochi giorni di stimolazione ci sta che fossero così piccoli...insomma, ok il carattere particolare e la poca comunicazione, (ma quanto fa stare meglio essere informati!!) ma perché quel pick up precoce? Era un fallimento annunciato? Allora è verosimile che tutto sia stato accelerato per far coincidere i suoi tempi? Non avrò mai risposte ma la sensazione è di aver buttato via troppo facilmente uno dei tre tentativi possibili, anche se la responsabilità non è nostra. 
Certo, questo non mi assicura che questo secondo tentativo - seppur apparentemente più accurato - vada a buon fine. Però lo spirito è diverso. Oggi leggevo il post di Dameffina sul coraggio, che ha proprio centrato il punto: per la paura del tonfo in caso di delusione (e avevo ben ragione di averne paura perché è stato proprio un bel tonfo!) abbiamo sperato e non ci abbiamo creduto. Ma che differenza farebbe se invece ci credessimo? Il tonfo non potrà essere peggiore ma di contro forse genererebbe una forza in noi che non può che fare bene ai cosini, come li chiama lei!! Tanto, in caso di esito negativo, male farà male comunque, allora perché non crederci? So che anche il mio Re ha voglia di essere ottimista, lui mi incoraggia molto questa volta, lo vedo convinto, molto sollevato dalla attenzione medica che stiamo ricevendo. Ieri mentre aspettavo l'eco di controllo, vedendo i valori ematici più bassi gli ho detto: e se i follicoli non ci sono più?? E lui: ma non essere così pessimista! LUI lo dice a ME!! Se ci conosceste personalmente capireste quanto abbia dell'incredibile questa scena!! Comunque i valori erano bassi perchè avevamo diminuito i dosaggi, quindi ora aumentati a manetta per lo sprint finale verso il pick up, speriamo bene. Anzi no: forza ovaie, CREDIAMOCI e andiamo all'arrembaggio!!!!

Giusto per la cronaca: allo studio di Roma l'attesa è SEMPRE di circa 1h e 30-2h. All'inizio per correttezza arrivavamo in anticipo, ma abbiamo capito che serve solo ad aggiungere attesa all'attesa. 
Altra cosa importante: sto facendo punture di Puregon che devono essere fatte necessariamente con la sua penna-siringa. Noi l'abbiamo comprata alla modica cifra di 40€, ieri abbiamo scoperto che il Centro la da gratuitamente......se può essere utile a qualcuno, non acquistatela!!
Giovedì ultima -spero- eco e venerdì o sabato pick up.



lunedì 2 marzo 2015

Giorno 3

Che weekend travagliato!!
Ho iniziato la stimolazione, ma che fatica....le indicazioni erano: punturone al primo giorno del ciclo.... facile a dirsi!! Ma il mio ciclo, solitamente regolare, molto leggero ma regolare, a questo giro ha fatto le bizze, va e vieni, appari e scompari!! Credo sia una conseguenza degli integratori...o l'ansia...insomma, non ha mai fatto così!! Per due giorni mi ha fatto impazzire, sono sempre stata in contatto con la dott.ssa Criscuolo (la gine di Chianciano) e abbiamo "deciso" di cominciare sabato sera. Quindi siamo partiti.
Ad un certo punto ho pure fatto un test di gravidanza, ero terrorizzata all'idea di essermi sparata una bomba di ormoni e magari c'era un attecchimento, ma povero!!! Il "non in cinta" più bello della storia!!
Il ciclo è stato un pò più consistente solo ieri sera, e mi è pure venuto il dubbio che sarebbe stato meglio aspettare ancora un giorno...ma ormai è andata, alla fine pure con il benestare della dottoressa, quindi cerchiamo di fidarci, tanto indietro non si torna! Spero solo che non influisca sul buon esito della tecnica.
Stamattina ho scritto al mio Re che sono più tranquilla, ed è vero. Saranno gli ormoni "buoni" a rendermi così positiva ma finchè dura, teniamocelo!!!!
Il mio marito d'amore mi dà molta forza e molta tranquillità, ci teniamo per mano e andiamo avanti. Riflettevamo sul fatto di dare ottimismo a questo tentativo, di vederlo comunque con positività al di là dell'esito. Ci stiamo provando. Io mi accarezzo le ovaie già doloranti come fossero piantine che stiamo innaffiando e mercoledì avremo la prima eco di controllo.
La mia grande preoccupazione è per le mie assenze da lavoro, se riusciremo ad arrivare a pick up e transfer. 
Non so se l'ho scritto ma a differenza della prima volta, questo secondo tentativo non è noto a NESSUNO, lo sappiamo solo io e il mio maritino. E' stata una scelta condivisa anche se confesso che a me pesa un pò che mia mamma e mia sorella non lo sappiano. Ho un legame viscerale con loro e mi sembra di mentire o di nascondere...ma dall'altra è stata dura dover raccontare loro il fallimento, e tutt'ora mi fa tenerezza vedere come si sforzino di starmi vicine senza toccare l'argomento per non farmi male ma vederle anche in bilico perchè vorrebbero che ne parlassi per sollevarmi un pò dal fardello del dolore. 
Così non lo sa nessuno e trovare scuse credibili per famiglia amici e adesso pure lavoro è faticoso...ufff...speriamo che almeno una delle due date cada di fine settimana!!!! Mi sa che chiedo troppo....!!


E a volte i forzuti si accasciano
dimenticano ogni lezione 
Lo sai cosa intendo se dico 
che a tutto c'è una soluzione 
e tutte le luci si accendono 
miliardi di pixel si infiammano 
si muovono a ritmo di un battito 

.................................................

E sotto ai miei piedi c'è un baratro 
e sulla mia testa c'ho gli angeli 
e qui siamo proprio nel mezzo 
nella terra degli uomini 
dove suona la musica 
l'amicizia si genera 
dove tutto è possibile 
dove un sogno si popola 
la chitarra si elettrica 
e risuonan gli armonici 
dove ridono i salici 
dove piangono i comici 
e la forza si amplifica 
ed il sangue si mescola 
e l'amore è una trappola 
mica sempre però 
qualche volta ti libera 
e ti senti una favola 
e ti sembra che tutta la vita non è solamente retorica 
ma sostanza purissima 
che ti nutre le cellule 
e ti fa venir voglia di vivere... fino all'ultimo